Home
L'Associazione
Sedi
Normative
Links
Repertorio lgs.
Istat
Agenzia Entrate
Roma Edilizia
NUOVA DISCIPLINA DELLE ATTIVITÀ RICETTIVE EXTRABERGHIERE Nuova disciplina delle attività ricettive extralberghiere
Regione Lazio - Regolamento regionale del 7 agosto 2015, n. 8 (...)
UFFICIO STAMPA
24.02.2014
COMUNICATO STAMPA

“Il nuovo governo è partito con il piede sbagliato. Non si può pensare di far ripartire l’economia italiana aumentando ulteriormente la pressione fiscale” . Lo ha affermato il Presidente di Arpe-Federproprietà Massimo Anderson , a proposito delle dichiarazione rilasciate ieri dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Graziano del Rio, alla trasmissione di Lucia Annunziata su Rai Tre, circa l’opportunità di aumentare la tassazione sui bot. “Appare poco credibile anche la successiva smentita giunta da palazzo Chigi - ha proseguito Anderson - perché è notorio a tutti che Del Rio è l’uomo di fiducia di Renzi. È stata la sua prima scelta ed è impensabile che questi parli senza che il segretario del pd e presidente del Consiglio non ne sia a conoscenza. Forse questo è un pass-partout per dare il via alla patrimoniale chiesta dal segretario della Cgil Susanna Camusso al posto delle tasse sui bot, tasse che lei stessa aveva proposto ad ottobre dello scorso anno. La realtà è – ha concluso Anderson - è che si vuole ancora una volta colpire quel ceto medio la cui spina dorsale è rappresentata dai proprietari di casa”.

Roma, 24 febbraio 2014

09.01.2014
FEDERPROPRIETA’ PROTESTA PER GLI AUMENTI TASI

COMUNICATO STAMPA

Si è riunito oggi a Roma la Giunta Nazionale di FEDERPROPRIETA’ che ha preso in esame i provvedimenti varati dal governo in materia di tasse sulla prima casa e sulla possibilità fornita ai Sindaci di aumentare il prelievo dallo 0,1 allo 0,8 per mille. La TASI potrà quindi aumentare dal 2,5 iniziale fino al 3,3 per mille mentre, sulle seconde case, le imposte potranno arrivare fino all’11,4 per mille.

“Ancora una volta si è cercato di mascherare il solito prelievo sui proprietari di casa con la scusa di utilizzarlo per detrazioni a vantaggio dei ceti e delle famiglie più deboli – ha dichiarato il presidente di FEDERPROPRIETA’ Massimo Anderson - il Governo ha solo accontentato i Comuni meno virtuosi sommersi da debiti che non sanno come affrontare. Lo stesso ministro dell’Economia Fabrizio Saccomanni non ha esitato a parlare di mini IMU giustificandola come “necessità dovuta a motivi equitativi”. La misura è veramente colma - ha continuato Anderson – se è vero che i tartassati proprietari di casa non possono scioperare è altrettanto vero che, non potendo sostenere il pagamento delle nuove tasse per la grave situazione economica del Paese, saranno costretti alla protesta. Per questo – ha concluso Anderson - non potremo fare altro che chiamare i piccoli proprietari di casa a dimostrare tutta la loro contrarietà con manifestazioni pubbliche di protesta”.

Roma, 09 gennaio 2014

25.11.2013
PRESENTATO AL SENATO IL DDL: «ISTITUZIONE DI UN’ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA CONTRO I RISCHI DERIVANTI DA CALAMITÀ` NATURALI»

Via San Nicola da Tolentino, 21 – 00187 ROMA

Tel. 06/485611 – fax 06/4746062 - E mail segreteria@arpe.roma.it

COMUNICATO STAMPA

La tragedia che ha colpito nei giorni scorsi la Sardegna causando enormi danni e numerosi morti pone in evidenza la necessità di fare approvare, il più velocemente possibile, il disegno di legge voluto da FEDERPROPRIETÀ unitamente ad ENEA, Ordine degli Ingegneri ed altre istituzioni professionali sensibili a queste problematiche, presentato questa mattina alla Sala Nassirya del Senato.

“Il ciclone abbattutosi sull’isola ha fatto esondare corsi d’acqua, crollare ponti e strade, allagato case, confermando come le numerose calamità naturali che sempre più spesso colpiscono il nostro Paese impongano la necessità di approvare validi sistemi per diminuire i rischi e garantire un rapida soluzione ai problemi che questi comportano” ha dichiarato il Presidente di Federproprietà Massimo Anderson.

Il disegno di legge, che è stato illustrato dal Presidente e dal Vicepresidente Nazionali on. Massimo Anderson e sen. Riccardo Pedrizzi, prevede infatti l’istituzione di un’assicurazione obbligatoria che copra i danni causati da questo genere di calamità.

La presentazione della proposta di legge è stata introdotta dal sen. Domenico Gramazio primo presentatore nella XVI legislatura, mentre gli aspetti tecnici sono stati esposti nel dettaglio dall’ing. Paolo Clemente, Responsabile Prevenzione Rischi Naturali dell’ENEA. Ha portato i suoi saluti ed il suo incoraggiamento, impegnandosi ad accelerare quanto più possibile l’iter legislativo del DDL, il Vicepresidente del Senato sen. Maurizio Gasparri.

La maggior parte del patrimonio edilizio del nostro Paese ha un’età superiore ai cinquant’anni ed è facilmente prevedile che non sia in grado di sopportare le grosse sollecitazioni dovute alle devastazioni climatiche o agli altrettanto frequenti fenomeni sismici.

E’ necessaria quindi l’istituzione di un’assicurazione obbligatoria per tutti gli immobili pubblici e privati. Finora infatti i costi relativi agli interventi sono sempre stati fronteggiati dallo Stato anche e soprattutto con tassazioni aggiuntive a quelle ordinarie già decisamente elevate. La creazione di un fondo ad hoc, oltre a sollevare lo Stato da questo onere, assicura a tutti i proprietari di casa la certezza della ricostruzione e trasferisce alle compagnie assicurative il relativo peso economico. E’ stato calcolato, tenendo conto dei dati ISTAT, che sarebbe sufficiente un premio medio di 200 euro, l’anno peraltro i lavori di adeguamento della sicurezza richiedono anche importanti interventi preventivi di recupero con conseguente ritorno di occupazione. La valutazione è di 400.000 posti di lavoro all’anno in un settore che è tra i più colpiti dalla grave crisi economica che sta attraversando il Paese.

Roma, 25 novembre 2013

25.10.2013
Coordinamento Unitario Dei Proprietari Immobiliari

ARPE - FEDERPROPRIETA’ – CONFAPPI – UPPI - MOVIMENTO PER LA DIFESA DELLA CASA

Via San Nicola da Tolentino, 21 – 00187 ROMA

Tel. 06/485611 – fax 06/4746062 - E mail segreteria@arpe.roma.it

COMUNICATO STAMPA

Si è tenuta a Roma la riunione del Coordinamento unitario dei proprietari immobiliari (Arpe-Federproprietà, Confappi, Uppi e Movimento per la difesa della casa) per  valutare quali effetti avrà sulla casa la legge di stabilità voluta dal Governo Letta-Alfano.



Stando ai dati e alle tabelle parziali la promessa di riduzione delle tasse sull’abitazione principale non è stata mantenuta. Con il nuovo  tributo sugli immobili, anche se non si chiama Imu,  le famiglie italiane infatti pagheranno di più.  Stando ai calcoli degli esperti di settore la Trise, la tassa che sostituisce l’Imu e unisce  la Tasi (tributo  sui servizi) e la Tari tributo sui rifiuti) colpisce  l’abitazione principale con aumenti  che vanno da un minimo del 28% ad un massimo del 228%, e che, per assurdo, colpisce di più le case più modeste  e più piccole anche in virtù della totale mancanza di detrazioni che venivano applicate per l’Imu.  Le detrazioni fiscali falcidiate non riguardano solo la casa ed i mutui per acquistarla  ma anche le spese sanitarie, gli sconti sull’Irpef, gli interessi passivi, i costi per le frequenze scolastiche ed universitarie, i premi di assicurazione sulla vita, per finire con le spese funebri, queste avranno addirittura effetto retroattivo passando dal 19% al 18% dell’anno in corso  ed arrivando al 17% del 2014.  Un vero ed autentico salasso che colpisce tutti indiscriminatamente.

Non parliamo poi delle seconde case e degli immobili ad uso diverso dall’abitazione; per questi l’aumento calcolato può arrivare sino al 400 %. La maggior parte dei comuni applicherà, infatti, l’aliquota massima.

L’ultima stangata arriverà poi nel momento in cui entreranno in funzione i nuovi metodi di valutazione catastale  che sicuramente porteranno ad un nuovo aumento delle imposte. Tutto questo in un momento in cui il Paese è ben lontano dall’essere finalmente uscito dalla crisi economica che ci attanaglia.

Il Coordinamento Unitario (Arpe-Federproprietà, Confappi, Uppi e Movimento per la difesa della casa) quindi, denuncia che tale imposizione fiscale nefanda e selvaggia voluta dal Governo, dai poteri forti e dalla finanza speculativa colpirà oltre che i cittadini italiani proprietari immobiliari anche settori strategici dell’economia nazionale con particolare riferimento al comparto edilizio ed al suo indotto.

Roma, 25 ottobre 2013

29.08.2013
COMUNICATO STAMPA FEDERPROPRIETA'

Il Presidente di FEDERPROPRIETA’, Massimo Anderson, ha espresso viva soddisfazione per la decisione presa dal Governo Letta di abolire definitivamente l’IMU, la tassa che colpiva anche la prima casa. “Con questo provvedimento si conferma che avevamo ragione noi – ha detto Anderson – quando, per primi, già nell’aprile dello scorso anno avevamo giudicato iniqua questa tassa che colpiva l’85 % degli italiani e siamo scesi in piazza manifestando davanti al Parlamento. Ringraziamo tutte quelle forze politiche che hanno sostenuto la nostra battaglia fino alla vittoria finale e assicuriamo i nostri soci e tutti i proprietari di casa che non verrà mai meno la nostra vigilanza perché non si tenti di far rientrare sotto altra forma quello che è stato bocciato dagli Italiani”.
Per scaricare l'intero comunicato clicca qui

LIBRI

HOUSING SOCIALE, IL RUOLO E LE PROPOSTE DEL NON PROFIT - Homeless Book edizioni on line - acquista ora
leggi di più

PER I SOCI
L’ARPE OFFRE AI PROPRI SOCI PRESSO IL CENTRO RACCOLTA CAF IN VIA SAN NICOLA DA TOLENTINO 21, TEL 06/485611, ASSISTENZA COMPLETA PER LA CORRETTA PROCEDURA DI VISUALIZZAZIONE, VERIFICA E INTEGRAZIONE DEL MODELLO 730
RIFORMA DEL CONDOMINIO
ARPE

Codice civile, libro III, Titolo VII, Capo II - modificato dalla legge 11.12.2012 n. 220 con le integrazioni, indicate in neretto, apportate dal DL 23.12.2013 n. 145 convertito dalla legge 21.2.2014 n. 9.


SCARICA IL DOCUMENTO
Novità corsi per amministratori

Scarica il file per saperne di più clicca qui
sedi arpe


sedi arpe

sedi arpe

SPECIALI Agenzia Entrate
SPECIALE RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

scarica qui >>

AGEVOLAZIONI FISCALI PER IL RISPARMIO ENERGETICO

scarica qui >>

RISTRUTTURAZIONI EDILIZIE

scarica qui >>

FISCO E CASA: ACQUISTO E VENDITA

scarica qui >>

FISCO E CASA :LE LOCAZIONI

scarica qui >>

FISCO E CASA: SUCCESSIONI E DONAZIONI

scarica qui >>

sedi arpe
Home
Chi siamo
Iscrizione
Sedi
Rivista
Eventi
Condominio
Links
IMU
News
Istat
Servizi
Corsi
Contatti

ARPE - Associazione Romana Proprietà Edilizia
Via S. Nicola da Tolentino 21 Roma - tel. 06/485611 fax. 06/4746062 • C.F. 80119710582 - P.I. 04442241008.
© Tutti diritti riservati.